La città

Cittadina costiera di origine molto antica, sede di una fiorente attività artigianale specializzata nel restauro di libri e mobili antichi; l’economia locale, stimolata dal turismo balneare, è trainata dall’industria calzaturiera e dal terziario. Si tratta di un “comune sparso”, con sede in località Portocivitanova. I civitanovesi, il cui indice di vecchiaia è di poco superiore alla media, tendono a distribuirsi uniformemente sul territorio comunale: la maggior parte della comunità si divide infatti tra il capoluogo comunale e le località di Civitanova Alta e Santa Maria Apparente mentre il resto dei civitanovesi si distribuisce nella località di Montecorsaro, in svariati aggregati urbani minori e in numerose case sparse sul territorio comunale, classificato collinare.

La parte più antica dell’abitato, caratterizzata da pianta irregolare, è posta su un’altura mentre la zona più moderna, in fase di sensibile espansione edilizia, si estende con struttura regolare tra la ferrovia e il litorale adriatico. Lo stemma comunale, concesso con Regio Decreto, è “troncato”: in alto figura una ruota di ingranaggio d’argento, su fondo rosso; in basso una barca da pesca con la vela spiegata, su cui è impressa una stella d’oro a cinque raggi, naviga sulla superficie del mare, increspata da onde d’argento. Lo stemma usato dal Comune è quello riprodotto qui a fianco.